Alluvione 28 novembre 2020 Bitti

Si è concluso nei giorni scorsi il sopralluogo congiunto della Protezione civile nazionale e regionale per valutare le segnalazioni trasmesse per l’attuazione degli adempimenti che daranno il via ai contributi per i danni provocati dall’alluvione che il 28 novembre 2020 ha colpito pesantemente Bitti, causando la perdita di tre vite umane, allagamenti, smottamenti, frane e gravi danni alle abitazioni.

Il Direttore Generale della Protezione civile regionale, Antonio Belloi, nominato commissario delegato per fronteggiare l’emergenza, ha dato impulso all’iter per la predisposizione del piano degli interventi urgenti, approvato dal Dipartimento nazionale lo scorso 11 febbraio. Ciò consentirà di restituire la normalità nel più breve tempo possibile alla comunità Bittese, così duramente colpita da lutti e danni ingenti.

Per quanto riguarda i privati, nei prossimi giorni saranno aperti i termini per il perfezionamento delle istanze di contributo, con netto anticipo rispetto ai tempi previsti dagli standard nazionali in casi analoghi, tutto ciò grazie all’immediata dichiarazione dello stato di emergenza regionale e ad una proficua collaborazione tra Stato e Regione. Sono stati già impegnati 10 milioni di euro (dei 40 milioni totali stanziati) a favore dei Bittesi.

Torna su