Logo Regione Autonoma della Sardegna
IL SISTEMA AMBIENTALE DELLA SARDEGNA

Aer Nostrum

Marina di Sant'Elmo, Cagliari
Il progetto Aer Nostrum – Aria bene comune è stato avviato il 1 maggio 2020 e terminerà il 30 aprile 2023. L’ARPAS partecipa insieme ad altri partner, quali Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure (Capofila), Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, Università degli Studi di Genova, Università degli Studi di Cagliari, Atmosud Var Sud Paca France, Qualitair Corse Corse‐du‐Sud, in tutto 7 soggetti che rappresentano le cinque regioni dell’area del Programma

Il progetto si colloca nell’Asse 3: Miglioramento dell’accessibilità dei territori e della sostenibilità delle attività portuali nell’ambito del Programma Interreg Marittimo 2014-2020, e nell’Obiettivo specifico:
- Migliorare la sostenibilità delle attività portuali commerciali contribuendo alla riduzione delle emissioni di carbonio.
- Migliorare la connessione dei territori e della sostenibilità delle attività portuali.

Le zone portuali rappresentano aree di rilevanza economica sottoposte a forti pressioni ambientali che rendono necessarie misure di tutela ambientale e sanitaria. La sfida condivisa è promuovere la riduzione delle emissioni inquinanti derivanti dalle attività portuali ed in particolare dalle navi.

Il progetto realizza un osservatorio transfrontaliero per il monitoraggio della qualità dell’aria nei porti, offrendo alle autorità portuali, compagnie di navigazione, capitanerie di porto e ai decisori politici, uno strumento di supporto decisionale innovativo specifico per le aree portuali. Tale strumento consentirà di delineare scenari di soluzioni realistiche di mitigazione degli impatti e di conseguenza di sviluppare delle strategie e modalità di intervento congiunte per migliorare la qualità dell’aria, conciliando le esigenze di sviluppo economico con la necessità di tutela dell’ambiente e della salute delle popolazioni residenti.

Il progetto Aer Nostrum è strutturato in cinque componenti: Gestione (M), Campagne di monitoraggio congiunte della qualità dell'aria (T1), Modellistica della qualità dell'aria (T2), Scenari di qualità dell'aria a seguito delle misure di mitigazione e governance (T3) e Comunicazione (C).

L’ARPAS e l’Università di Cagliari sono i partner responsabili della Componente C-Comunicazione e coinvolgono, coadiuvano e coordinano gli altri partner nell’organizzazione delle attività di promozione del progetto e nel favorire la partecipazione degli utenti finali. La partecipazione di tutti i partner di Aer Nostrum è fondamentale per la corretta esecuzione delle attività di comunicazione di progetto, per carpire l’interesse dei principali stakeholder e per la sua corretta divulgazione in tutte le Regioni interessate.

L’ARPAS e L’Università di Cagliari inoltre collaborano per la realizzazione di campagne di misura, con mezzo mobile e campionatori passivi, nei porti di Cagliari – Molo Sabaudo e di Olbia – Isola Bianca.

L’ARPAS mette a disposizione dei partner del Progetto:
1) banca dati del monitoraggio della qualità dell’aria ed emissioni;
2) esperienza nel monitoraggio in continuo di inquinanti atmosferici;
3) valutazioni sulla qualità dell’aria;
4) esperienza nello studio degli effetti degli inquinanti atmosferici sulla salute umana (outdoor, indoor).

Il progetto darà la possibilità all'ARPAS di approfondire la tematica dell'inquinamento dell’aria nelle aree portuali di Cagliari e Olbia e su tale tema di confrontarsi con altri soggetti esperti nel settore a livello nazionale e internazionale. Tali aspetti rappresentano dei vantaggi importanti per l'Agenzia, che ha tra i suoi compiti il controllo e il monitoraggio degli impatti sull'ambiente di numerose aree portuali in Sardegna.

L’attività dell’ARPAS, congiuntamente ai partner del Progetto, è orientata a concorrere ad uno sviluppo dell’economia portuale (traffico navale, cantieristica, turismo, attività industriali) in un’ottica di sostenibilità ambientale e tutela della salute umana. Obiettivo fondamentale per aree interessate da zone costiere densamente popolate, che sovente costituiscono anche siti di notevole pregio artistico e che spesso confinano con aree di significativo interesse ambientalistico, esposte agli inquinanti che possono disperdersi anche a decine di chilometri di distanza dalla fonte emissiva.

Documenti e link correlati
- Link al Progetto AER NOSTRUM
- Relazione Aer Nostrum – Aria bene comune - 2020 [file.pdf]
- "Misurare per conoscere e agire" - Bastia, 8-9 novembre 2021
- "Giornata Mediterranea dell’Aria – I Porti" - Tolone, 27-28 aprile 2022